Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Fidalmilano3 Fidalmilano_2 fidal_Milano_slideshow

ancon309 bonicalza2014Ancona 2015, come si comporteranno gli under 18 milanesi nelle gare di sabato 14 e domenica 15 febbraio? L'anno scorso agli Italiani Allievi Indoor fu poker d'oro e tutto nella velocità. Quest'anno le carte in gioco sono un po' cambiate, ma non necessariamente in peggio, per fortuna. Non si ripeterà sicuramente il bis nei 60 metri. Filippo Tortu (Riccardi) è fuori gioco per gli ultimi strascichi della ormai famosa caduta nei 200 metri di Nanchino e non difenderà il suo titolo nella gara più breve. La velocità milanese affida le sue speranze alle gambe di Riccardo Di Fino (Pol. Carugate), fresco campione regionale con 7.15. Nella gara femminile, con l'oro pressoché già al collo di Zaynab Dosso (7.40), è Laura Besana (Geas Sesto) a mettere nel mirino il podio, forte del suo recente 7.80 e dei consigli del suo tecnico Elena Sordelli, una che di di velocità se ne intende.

Sbarrata la via alla vittoria, non ci sarà quindi a difendere il titolo Sofia Bonicalza (Pro Sesto, nella foto Colombo sopra), prima l'anno scorso e domenica impegnata invece nei 200 mt, decisa certo a non far da comparsa. Dovrebbero essere invece solo comparse gli avversari di Vladimir Aceti (Vis Nova Giussano) e Ilaria Verderio (Pro Sesto), impegnati nei 400 mt. I loro quasi primati nazionali di accreddito (49.08 e 55.50) sembrano metterli al riparo da strani scherzi ma nelle indoor nulla è già scritto. Dietro alla Verderio scalpiteranno per un posto sul podio anche Cecilia Spoldi (Riccardi Milano) e Chiara Di Benedetto (Bracco Atletica). La Di Benedetto dovrebbe doppiare con i 1000 metri, dove cercheranno di fare impressione anche Micol Majori (NA Fanfulla Lodigiana) e Arianna Locatelli (Pro Sesto).

Salgono le aspettative anche negli ostacoli alti maschili, con il ritorno prepotente al primo amore (dove fu campione italiano Cadetti) di Marco Bigoni (Pro Sesto), molto migliorato nei 60hs e che ad Ancona si presenta con il miglior tempo dell'anno: 8.02

Nel lancio del peso Milano si gioca le carte migliori. Sydney Giampietro (Cus Pro Patria Milano), dopo la bordata di primato nazionale da 17.12, dovrebbe passare da Ancora solo per ritirare la sua prima maglia tricolore da Allieva. Se la giocherà fino in fondo ai sei lanci invece Simone Bruno (Pro Sesto, scuola Bienate Magnago), secondo accredito con 16.42.

Poca luce per i salti. Con i miglioi milanesi passati a società extra comitato (Andrea Motta all'Atletica Bergamo e Asia Lambrughi all'Atletica Lecco), le speranze di medaglia arrivano dalla coppia di astisti dell'Atletica Monza formata da Francesco Colzani e Francesca Gallistru, mentre si attende la zampata giusta di Lucrezia Gritti (Bracco Atletica) nel triplo (11.83 il suo accredito).

Nella staffette 4x1 giro, nel 2014 la Pro Sesto di Bonicalza e Verderio vinsero col primato nazionale (1:43.14), quest'anno l'innesto della Preda e della Grecchi dovrebbero comunque garantire un gradino piuttosto in alto sul podio. Al maschile vedremo cosa uscirà dai testimoni della Riccardi e della Pro Sesto.

Link agli iscritti e ai risultati delle gare

Link allo streaming video di tutte le gare

DAVI.VIGA. 

RUBRICA TELEVISIVA

FOTOGALLERY