Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

2Cortenova_slideshow BCortenova_slideshow

Grande movimento atletico oggi a Palazzo Lombardia. Il meglio dell'atletica femminile milanese era ospite dell'assessore regionale allo Sport Martina Cambiaghi, l'occasione era festeggiare insieme il traguardo dei 150 titoli italiani conquistati dalla Bracco Atletica. Insieme al "presidentissimo" Franco Angelotti presenziavano anche le atlete in rappresentanza delle squadre delle diverse categorie, tutte protagoniste a livello nazionale.

"Quando ho fondato la Camelot 19 anni fa, poi diventata Bracco Atletica non pensavo minimamente di arrivare a vincere 150 titoli italiani" ha ammesso Franco Angelotti davanti a una platea di giornalisti, amici e rappresentanti delle istituzioni sportive, da Claudio Pedrazzini del Coni Lombardia a Claudia Giordani del Coni Milano. Presente anche l'ex assessore regionale allo Sport Filippo Ingrassia. Non potevano mancare i rappresentati dell'azienda Bracco che hanno letto un messaggio di complimenti e ringraziamento firmato dalla dottoressa Diana Bracco, sempre al fianco della società.

bracco 150scudetti3

Due premi speciali individuali: per Giancarla Trevisan, bronzo alle staffette mondiali di Yokohama, e per Lidia Barcella (la più elogiata e acclamata), che con il suo tricolore under 23 nella marcia dello scorso weekend ha permesso alla società di arrivare al traguardo dei 150 scudetti. Poi applausi e riconoscimenti per le rappresentanti delle squadre di categoria che hanno permesso di conquistare il Campionato Italiano di società di corsa campestre e indoor 2019, un'accoppiata più unica che rara.

bracco 150scudetti1

Tutto ciò con vista su Firenze, dove sabato e domenica la squadra andrà alla caccia del Campionato Italiano di Società. "E poco importa se in qualche squadra ci saranno più atlete lettoni che italiane, noi faremo il nostro" non ha mancato di chiosare Angelotti.

Non resta che attendere domenica pomeriggio per scoprire se questo grande rito apotropiaco avrà sortito il suo effetto. In bocca al lupo, bracconiere!

bracco 150scudetti2

DAVI.VIGA.

RUBRICA TELEVISIVA

FOTOGALLERY