Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Fidalmilano3 Fidalmilano_2 fidal_Milano_slideshow

RunningHeart2Che l'attività motoria faccia bene è ormai un fatto assodato, che la corsa sia tra le attività fisiche una delle più amate ed efficaci lo hanno già scoperto le migliaia di praticanti di ogni età che vi si dedicano in Italia e in tutto il mondo. Se restiamo in casa nostra e guardiamo le statische delle categorie master, troviamo che i maschi sono in misura preponderante sulle donne, almeno cinque volte. Come mai questa predilezione maschile? Forse una spiegazione può arrivare dalla medicina e in particolare dall'urologia. Studi condotti a livello internazionale indicano come l'attività fisica in generale negli over 50 sia un valido aiuto per mantenersi attivi anche sessualmente e per ridurre la gravità dei sintomi urinari fra coloro che già ne soffrono a causa dell'ingrossamento della prostata tipico dell'età.

Per Giuseppe Morgia, Direttore della Clinica Urologia e della Scuola di Specializzazione in Urologia dell'Università di Catania, «La scelta del giusto sport può fornire benefici anche nel combattere i sintomi delle basse vie urinarie, fastidi collegati all'iperplasia prostatica benigna, ossia all'ingrossamento della prostata, che colpiscono circa 7 milioni di italiani con il progredire dell'età. Recenti scoperte scientifiche hanno evidenziato il legame che esiste fra disfunzione erettile e sintomi urinari e i meccanismi comuni alle due condizioni che possono coesistere anche nel 70% dei pazienti di età più avanzata» spiega il medico. Il meccanismo che lega lo sport al sesso e al benessere maschile è lo stesso che lega l'attività sportiva al buon funzionamento del sistema cardiovascolare. Disfunzione erettile e malattie cardiache, infatti, dipendono entrambe da un ridotto afflusso di sangue verso il pene e il cuore. L'esercizio fisico aiuta a contrastare la comparsa di malattie dei vasi sanguigni, combattendo la formazione di placche lipidiche (grassi) a livello delle arterie, responsabili dell'insufficiente irrorazione dell'organo. Lo sforzo fisico, inoltre, è in grado di liberare particolari sostanze chiamate endorfine che influenzano positivamente il mantenimento di una soddisfacente vita sessuale.

Una corretta attività fisica è quindi fondamentale per il benessere fisico e psichico dell'uomo over 50 ma anche per il suo apparato sessuale e urinario, «a patto di scegliere l'attività giusta» specifica però Giuseppe Morgia. Ed è a questo punto che arriva il primato della corsa come miglior attività per la salute della prostata e contro la disfunzione erettile. La corsa come il viagra? Il paragone è forse un po' azzardato però comporta tutti i vantaggi di una attività aerobica, ovvero favorire il miglior funzionamento del cuore e dell'apparato respiratorio. Fra gli sport in cui invece si deve prestare piu' attenzione c'è il ciclismo e la mountain bike che, sia per la posizione che si assume sul sellino, sia per i sobbalzi soprattutto su percorsi accidentati possono avere ripercussioni negative sul benessere maschile fino a diventare un potenziale fattore di rischio per la disfunzione erettile.

Uomini over 50, ora lo sapete anche voi: la gioventù tra le lenzuola si conserva con la corsa. Andate meno in bici e di più a piedi. Magari arriverete dopo al vostro appuntamento ma non vi farete trovare impreparati.

cfr. sanitanews.it

 

 

RUBRICA TELEVISIVA

FOTOGALLERY

Orari di Apertura Comitato

Dal MARTEDI' al GIOVEDI' dalle 15.00 alle 17.00

VENERDI' dalle 12.00 alle 16.00

Chi è Online

Abbiamo 313 visitatori e nessun utente online

Calendario Articoli

August 2020
Mo Tu We Th Fr Sa Su
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6