Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

1arena 2XXVAPRILE

LODI Laus Half Marathon F 2017 podio

Kenya-Marocco uno a uno: sulla Laus Half Marathon spira il vento d’Africa ma non mancano le sorprese. Nella terza edizione della Mezza maratona di Lodi (1230 atleti partiti, 1201 arrivati) di domenica 29 ottobre 2017, organizzata da Gruppo Podisti San Bernardo e Sports Club Melegnano vincono il marocchino Tariq Bamaarouf (Team Marathon Club) e la keniana Mary Wangari Wanjohi (Run2gether) cancellando in entrambi i casi il primato della corsa: Bamaarouf, già vincitore un anno fa, sigla 1h06:38, Wanjohi stampa 1h14:48.

Le due gare si sviluppano in modo decisamente diverso. Al maschile nella prima parte di gara è il quartetto dei favoriti a prendere un piccolo margine: con Bamaarouf ci sono il campione italiano Assoluto di maratona Ahmed Nasef (Atl. Desio) e i keniani battenti bandiera Run2gether Elvis Kipkoech e Kipkoech Maritim. Il drappello transita ai 9,5 km in 30:03: alle loro spalle non c’è il vuoto ma altri quattro atleti a una manciata di secondi, ovvero gli italiani Francesco Carrera (SAF Atletica Piemonte), Paolo Turroni (CUS Torino) e Davide Raineri (CS San Rocchino) e il marocchino Taoufique El Barhoumi (Atl. Desio). Tra il decimo e il 15esimo chilometro la corsa esce dal centro abitato puntando verso Montanaso Lombardo: tra le raffiche di vento non arriva l’atteso attacco keniano ma il gruppo di testa rallenta e a 5 km dal termine rientrano El Barhoumi, Turroni e Carrera.

Si decide tutto negli ultimi 1500 metri: Nasef perde qualche metro sbagliando l’impostazione di una curva e Bamaarouf supera Kipoech e Maritim con un finale al fulmicotone nella bellissima Piazza della Vittoria. Elvis Kipkoech termina in 1h06:41, Kipkoech Maritim in 1h06:43, Ahmed Nasef in 1h06:48: alle loro spalle Paolo Turroni (quinto) e Francesco Carrera (settimo) demoliscono i propri limiti correndo rispettivamente in 1h07:05 e 1h07:17 mentre il 44enne Davide Raineri (CS San Rocchino) termina ottavo in 1h08:27 a due secondi dal PB. «Non sono soddisfatto del tempo, speravo qui di fare meglio e di avvicinare il personale da 1h04:55: domenica scorsa ho corso la maratona di Venezia chiudendo terzo in 2h16:41 e ho sentito un po’ la stanchezza, pure il vento è stato molto fastidioso. Conoscere il percorso negli ultimi 1000 metri è stato importante per gestire al meglio le tante curve e chiudere il più forte possibile. Un grande grazie va al pubblico di Lodi: qui mi sento a casa» ha dichiarato a caldo Bamaarouf.

Copione opposto al femminile dove le due atlete della Run2gether Mary Wangari Wanjohi e Caroline Cherono prendono il largo fin da subito: dopo 9,5 km Wanjohi conduce (32:23) con 15 secondi su Cherono mentre il tandem composto dalla vincitrice 2016 Mina El Kannoussi (Atl. Saluzzo) e da Silvia Radaelli (Bracco) dista 2:57. Il vantaggio cresce nella seconda parte: Wanjohi chiude in 1h14:48, 36 secondi meglio di Cherono (1h15:24) e oltre cinque minuti al di sotto del precedente limite della corsa. Anche Radaelli sbriciola il PB portandolo da 1h21:09 (Crema 2015) a 1h19:10 e piegando la resistenza di El Kannoussi, al traguardo in 1h20:16; quinta è l’iridata 2017 di corsa in montagna lunghe distanze a squadre Barbara Bani (1h20:40). Questo il pensiero a caldo di Silvia Radaelli: «Non correvo sui 21,097 km da due anni, ero qui per fare un “lungo”: nel 2018, d’accordo con il mio coach Giovanni Brattoli, correrò più spesso la distanza dei 21,097 km» (sul podio nella foto Laus Half Marathon).

Tra le presenze “vip” in gara pure il giornalista di Radio 24 e conduttore de “La Zanzara” Giuseppe Cruciani: per lui personale a 1h49:39.

Nella mattinata lodigiana è andata in scena anche la e.on Laus Ten, 10 km non competitiva a sfondo solidale grazie al legame con LILT (Lega italiana per la lotta contro i tumori) e AIL (Associazione italiana contro le leucemie): a prendere il via 654 podisti.  

LAUS HALF MARATHON MASCHILE

1° Tariq Bammarouf (Team Marathon Club) 1h06:38

2° Elvis Kipkoech (Run2gether) 1h06:41

3° Kipkoech Maritim (Run2gether) 1h06:43

4° Ahmed Nasef (Atletica Desio) 1h06:48

5° Paolo Turroni (CUS Torino) 1h07:05

6° Taoufique El Barhoumi (Atl. Desio) 1h07:15

7° Francesco Carrera (SAF Atletica Piemonte) 1h07:17

8° Davide Raineri (CS San Rocchino) 1h08:27

9° Giovanni Gualdi (Corrintime) 1h09:00

10° Dario Rognoni (Cus Pro Patria Milano) 1h09:03

LAUS HALF MARATHON FEMMINILE

1ª Mary Wangari Wanjohi (Run2gether) 1h14:48

2ª Caroline Cherono (Run2gether) 1h15:24

3ª Silvia Radaelli (Bracco) 1h19:10

4ª Mina El Kannoussi (Atl. Saluzzo) 1h20:16

5ª Barbara Bani (Free Zone) 1h20:40

6ª Federica Proietti (Calcestruzzi Corradini) 1h21:13

7ª Daniela Ferraboschi (Atl. Casone Noceto) 1h23:08

8ª Chiara Milanesi (Runners Bergamo) 1h23:48

9ª Marinella Guida (X-Bionic Running) 1h25:21

10ª Alice Parisi (Atl. Riccardi Milano 1946) 1h26:39

fonte: Ufficio Stampa Laus Half Marathon

RUBRICA TELEVISIVA

FOTOGALLERY