Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Rapp_2 rapp_cortenova

Domenica 8 aprile ha preso il via dalla pista di Brugherio il Gran Premio Fidal Milano 2018. Numeri subito da capogiro, ben oltre i 2000 atleti-gara, che hanno reso speciale la giornata dedicata alla Festa dello Sport Brugherese. Due sessioni di gare, Ragazzi/e al mattino e Cadetti/e al pomeriggio, che hanno messo subito a dura prova l'organizzazione del Comitato Provinciale, capace però di rispettare gli orari gara dichiarati.

"E' stato un meeting giovanile dai grandi numeri - ha detto il Fiduciario Alessandro Staglianò - ma con il grande impegno della società organizzatrice e dei suoi volontari, dei giudici, degli operatori sigma, dei dirigenti Fidal Milano Tino Rossi e Tito Gilberti, siamo riusciti a rispettare gli orari programmati e a vivere una bellissima giornata di atletica leggera giovanile. Ci sono sicuramente cose che si possono migliorare ma con l'aiuto di tutti, dei consigli preziosi che riceviamo sul campo, miglioreremo!".

Risultati Cadetti/e

Due lunghe maratone quelle degli 80 piani. Tra i 100 concorrenti maschili vince il bergamasco Samuele Rignanese (Atl. Curno) con 9.46, davanti al saltatore-velocista Andrea Cesana (Atletica Vedano) con 9.71. Tra le 162 Cadette è invece la favorita Arianna Bellani (Atletica Albiate) a vincere sicura in 10.47 (a un centesimo dal pb) davanti a Elisa De Santis (Atl. Concorezzo) e Ginevra Mattei (CUS Pro Patria Milano) a pari merito con 10.54.

Arrivo allungato nei 1000 metri con Giacomo Simonini (Atl. Villasanta) davanti a tutti, come nei cross, in 2:47.33, precedendo le "nuove leve" Daniele Frezzato (Atl. Cinisello) e Andrea Giglio (PBM Bovisio). Simonini si aggiudica anche il salto con l'asta con 2.60 per una doppietta davvero insolita. Nei 1000 femminili assolo di Nicole Coppa (Azzurra Garbagnate) con il nuovo pb di 3:06.81. 

Nei 300 hs va subito vicino al minimo cadette Rebecca Biadati (Atletica Cernusco) con 47.43, tallonata da Giulia Fedeli (Atletica Punto It) con 47.56. Il pass tricolore viene staccato invece dall'astista varesina Giulia Porri (Pro Patria Busto) con 3.00 e dalla triplista Tea Carrara (Atletica Meneghina) con 11.37. Bene nel peso Cristina Fava (CUS Pro Patria Milano) con 10.39.

Il lungo maschile va al favorito Andrea Cesana (Atletica Vedano) con 5.88, i 300 hs sono un affare in proprio per Andrea Rosa Bernardins (Atletica Punto It 43.82). Poca gloria dalle pedane di peso e disco. Prime uscite per le staffette 4x100. Subito pimpanti le Cadette della Scuola Sportiva Atletica Punto It (Manetti-Viganò-Hapau-Scarciello) con 52.02, mentre la Polisportiva Carugate mette in pista l'ennesima formazione compatta che corre in 47.04 (Bergamaschi-Dalola-Gattei-Barazzetta).

Risultati Ragazzi/e

Nella gara da guinness dei 60 piani Ragazze, la classifica vede al traguardo 225 atlete (39 serie). La spunta Camilla Pacifico (Atletica Monza) in 8.60. Tra i 141 Ragazzi il più veloce è invece Edoado Paba (Aspes Milano) che vince agevolmente in 8.09. Manca la sfida spalla a spalla nei 1000 metri femminili perché le migliori due corrono in serie diverse. Vince allora Eleonora Gennaro (Studentesca San Donato) con 6 centesimi di vantaggio sulla favorita Emma Pollini (Geas Atletica): 3:28.42 il tempo della Gennaro. Stesso copione nella gara maschile, dove manca la sfida diretta tra i primi due: Francesco Frumento (CBA Cinisello) 3:14.96 in prima serie, Nimo Pari (NA Astro) 3:15.41 nella terza. 

Pesi che non decollano molto. Le migliori misure sono quelle di Daniele Manzoni (GSA Brugherio) con 12.15 e di Abiga N'Ladu Vebandila (Euroatletica 2002) con 9.01. La maratona del salto in lungo (195 atlete) registra il successo di Arianna Fraglica (Atletica Monza) con 4.35. Il salto in alto è una bella sfida tra Francesco Bianco (Riccardi) con 1.48 e Luca Brambilla (Atletica Cernusco) con 1.46. Nel vortex "esplode" la spalla di Riccardo Salvia (Atletica Meneghina) che lancia l'attrezzo a 50.31, lasciando gli aversari a 4 metri di distanza.

Cannibali i Ragazzi della Aspes che nella 4x100 (Melossi-Paba-Colombi-Wamway) segnano 53.96, con gli avversari sopra i 57 secondi. Bene le Ragazze della ABC Progetto Azzurri (Mattei-D'ANgelo-Rizza-La Viola) che chiudono in 56.46.

Brugherio GPFM2018

RUBRICA TELEVISIVA

FOTOGALLERY

Orari di Apertura Comitato

Dal MARTEDI' al GIOVEDI' dalle 14.00 alle 18.00

VENERDI' dalle 12.00 alle 16.00

Chi è Online

Abbiamo 108 visitatori e nessun utente online