Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Stampa
Visite: 481

stronati italiani allievi 2020

Due-due-tre: ecco la formula del medagliere milanese dopo la tre giorni (11-13 settembre) a Rieti dei Campionati Italiani Allievi/e 2020. Formula "abbreviata" causa Covid, con le gare superiori ai 1500 metri rimandate a ottobre in altra sede. La nostra atletica ne esce però piuttosto bene, forte soprattutto di due maglie tricolori finite sulle spalle di atleti al primo anno di categoria.

In ordine cronologico, il primo oro è stato quello di Edoardo Stronati (Pro Sesto Atletica - foto Grana/Fidal) nel salto in alto. Il 16enne milanese, allenato da Daniela Frasani, si presentava con la miglior misura dell'anno, 2.10, ma era anche reduce da due campionati italiani Cadetti che lo vedevano favorito ma sempre sconfitto. Stavolta la condotta di gara (e di testa) è di quelle impeccabili, e il suo salto a 2.08 spiazza i rivali. Stavolta il titolo è suo. Molto bene sul terzo gradino del podio Andrea Cesana (Atletica US Vedano), che si mette il bronzo al collo con 2.04.

Nuovo titolo italiano (il quarto) per Marta Amani (CUS Pro Patria Milano - foto sotto, Grana/Fidal), conquistato sabato pomeriggio nel salto in lungo. Vittoria pronosticabile e attesa, visto che il suo dominio nella specialità si prolunga dallo scorso anno da Cadetta. In questa difficile stagione però, complice un leggero infortunio patito a luglio, ci si attendeva una prova di efficcienza per il talento curato da Fiorella Colombo. La conferma del suo valore è arrivata dalla misura di 6.05 con cui ha fatto sua la gara, salto inarrivabile per tutta la concorrenza. Bene in finale anche Emma Corrado (Bracco) sesta con 5.35. 

Allievi Rieti 2020 Amani

Ancora un atleta al primo anno sul podio. Stefano Marmonti (SOI Inveruno) sfiora il colpaccio nel lancio del disco. Il suo nuovo primato di 46.46 vale l'oro fino all'ultimo turno, quando viene superato dal teramano Martini che va oltre i 50 metri. Per Marmonti un secondo posto preziosissimo e un argento davvero pesante. Bravo anche Blessing Osayinwere (Atletica Riccardi) che chiude 7° con 43.77.

Altrettanto nobile è l'argento finito al collo della 4x100 Allieve del Team-A Lombardia. Zaina, Brambilla, Appiani e De Santis si migliorano fino a 48.66, superate solo dall'Atletica Vicentina e finite seconde a pari merito (stesso tempo) con il CUS Parma, vincitore della prima serie. Quinto posto per la Bracco Atletica con 49.11.

Collezione di medaglie per Matilda Appiani (Team-A Lombardia), che dopo l'argento in staffetta si mette al collo il bronzo nei 100 hs. Sicura in batteria con 14.55, in finale cresce con 14.43 per un sorprendente (ma non troppo) terzo posto. Bella sopresa nell'ultima gara del programma, la 4x400 Allievi. Gli atleti della Pro Sesto Atletica (Bergamaschi, Castiglioni, Barazzetta, Rosa Bernanrdins) combattono fino in fondo per un terzo posto con il tempo di 3:26.30.

Dalla staffetta del miglio arriva anche il quarto posto delle Allieve della Bracco con 4:02.74. Sempre in tema di velocità, il brianzolo Mattia Arnaboldi (Atletica Riccardi) chiude 6° la finale dei 100 metri con 10.95 (b. 10.90). Sveva Temporin (Bracco) è 8° nella finale dei 200 con 25.32 (b.25.10), stesso piazzamento per Charlotte Sana (Geas) nei 400 con 58.29 (b. 58.08). E' 7° invece Breanna Selley (Bracco) nelal finale degli 800 con 2:15.98 (b. 2:15.60 pb). Nella finale dei 110 hs, si comportano molto bene Riccardo Legnani (US Sangiorgese) e Daniel Okoluku (NA Astro), rispettivamente 6° e 7° con 14.60 e 14.61.

Sulle pedane dei salti, 6° posto per Lorenzo Cagliero (Riccardi) nel lungo con 6.63 (q. 6.67). Stessa posizione nell'asta per Lorenzo Busana (Pro Sesto) con il primato di 4.15. Nel triplo femminile, Chiara Santambrogio (Team-A Lombardia) si migliora fino a 11.65 per il 7° posto finale, mentre Gaia Morelli (Bracco) si ferma a 11.14 (q. 11.96) in 9° posizione.

Nel lancio del disco si comporta molto bene Marta Piantanida (CUS Pro Patria Milano) che chiude in 5° posizione con il nuovo personale di 36.88. Nel martello, una scatenata Chiara Benedettini (CUS Pro Patria Milano) si migliora in qualificazione e in finale, dove con 48.42 conquista il 6° posto. Stesso piazzamento per Andrea Caselotti (Pro Sesto Atletica) nel giavellotto con 59.07, Christian Verri (CUS Pro Patria Milano) è 12° con 47.75. 

DAVI.VIGA. 

SEGUICI SU: Instagram @atletica_milano | Facebook www.facebook.com/fidalmilano | Twitter @fidalmilano