Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Fidalmilano3 Fidalmilano_2 fidal_Milano_slideshow

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato stampa dell'Atletica Monza relativo alla gara "Asta in Piazza", svoltosi sabato 7 settembre 2013. Cogliamo l'occasione per fare un grosso in bocca al lupo alla squadra Allievi dell'Atletica Monza che sabato 14 e domenica 15 settembre prenderanno parte alla finale del Campionato di Società di Prove Multiple, in programma a Olgiate Olona (Va). Il team composto da Edoardo Cipriano, Lorenzo Riva e Lorenz Zwich si presenta forte del miglior punteggio di qualificazione (14.516), davanti a Atletica Piemonte e Athletic Club 96 AE spa. Lecito aspettarsi molto dai tre bianconeri.


Sabato 7 settembre: in piazza Trento e Trieste, nel cuore di Monza, un enorme materasso rosso e decine di lunghi pali flessibili in mano ad altrettanti ragazzi e ragazze. Non è un abbaglio né uno scherzo, ma la prima edizione di “Salto con l’asta in piazza” organizzata nel capoluogo della Brianza.

L’iniziativa, promossa dalla società sportiva Atletica Monza e supportata dal Comune, ha visto competere su un insolito campo gara atleti provenienti da diverse zone d’Italia, con nomi eccellenti del settore e giovani con tanta voglia di migliorarsi. Tra i partecipanti, naturalmente, anche alcuni tra gli astisti della squadra monzese: la giovanissima Francesca Gallistru, soli 15 anni, che si sta segnalando nel panorama nazionale per rapidità di progressi e Stefano Vianello, classe ’95, più volte campione italiano nelle categorie giovanili.

Per questi, il punto di riferimento è l’allenatrice Martina Arosio, 24 anni di cui molti trascorsi sulle piste di atletica, che ha avuto un ruolo importante anche nell’organizzazione dell’evento: «Amiamo l’atletica e il salto con l’asta e abbiamo pensato di mostrare alla città il volto più pazzo e divertente del nostro sport», spiega entusiasta. E la città, in effetti, pare proprio divertirsi: molti monzesi e turisti richiamati dal Gran Premio in corso hanno cominciato a girare incuriositi attorno al materasso già dal pomeriggio, per poi lasciarsi trascinare e supportare con energia gli atleti in competizione. Nelle due sezioni di gara, hanno guadagnato la vittoria rispettivamente Marco Chiarello (Assindustria Sport Padova, con 4.50m) ed Elisa Molinarolo (stesso gruppo sportivo, 3.60m) nel gruppo del pomeriggio,  Giorgio Piantella (Carabinieri, 5.40m) e Giorgia Benecchi (Esercito, 4.20m) nel gruppo élite. 

I bambini hanno avuto la possibilità di provare a imitare i campioni e per tutta la giornata il pubblico è stato guidato dal commento tecnico dell’allenatore Giorgio Ripamonti, che in veste di speaker ha anche fornito spiegazioni su questa disciplina non certo semplice o particolarmente nota.

L’avventura del salto con l’asta è iniziata a Monza ormai 10 anni fa, per l’interesse proprio di Giorgio, che ha poi passato il testimone a Martina. Ora, come afferma Paolo Galimberti, presidente della società, «E’ tempo per l’Atletica Monza di porsi come un nuovo punto di riferimento del settore e in questo senso ci onora e ci dà fiducia l’adesione di tanti atleti anche di regioni lontane».

L’impegno della società brianzola continua comunque a rivolgersi al settore giovanile e ai dintorni: «Dobbiamo iniziare a portare l'Atletica di elite in mezzi alla gente, dobbiamo farci conoscere e far conoscere le varie discipline,solo così possiamo auspicare che sempre più ragazzi provino a fare Atletica Leggera.» concordano gli organizzatori.

E le attese dei responsabili della Atletica Monza non sono state deluse. Il loro ringraziamento va anche ai coraggiosi sponsor che hanno creduto in questa iniziativa supportando uno sport che certo non è ricco: MePa Assicurazioni, Credito Bergamasco, Gruppo SOL, Affari&Sport e Ristorante Pizzeria del Centro.

asta monza

RUBRICA TELEVISIVA

FOTOGALLERY