Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sulle pagine di questo sito. Per vedere quali cookie utilizziamo e quali sono di terze parti visita la nostra pagina dedicata. Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Fidalmilano3 Fidalmilano_2 fidal_Milano_slideshow

meda cuzzolin-passador CopiaFesta in grande stile stile, sabato 16 novembre, per l'Atletica Meda che ha festeggiato i suoi 30 anni di attività. Ci sono tanti modi per festeggiare un anniversario importante e la società del presidente Francesco Bassi lo ha fatto nel modo migliore, regalandosi una stagione ricca di titoli e vittorie: un titolo italiano, uno regionale, quattro provinciali, due atleti ai campionati italiani cadetti.

Forse è esagerato chiamarla "l'annata ideale", sicuramente si può dire che da tanti, troppi anni, Meda non era così prepotentemente protagonista dell'atletica milanese e non. Che si possa parlare di un deciso cambio di passo ce lo conferma Matteo Santambrogio, giovane tecnico che segue le categorie giovanili. «Negli ultimi due anni abbiamo puntato molto sul settore giovanile, non solo con gli atleti ma anche ringiovanendo lo staff tecnico». Con Santambrogio opera Daniele Barison, ventenne prossimo alla laurea in Scienze Motorie, e in tandem guidano gli atleti dalla categoria Ragazzi agli Junior, mentre le categorie esordienti restano saldamente nelle mani di due giovani vecchie volpi come Simona Tagliabue e Magda Maiocchi.

meda cas  CopiaEccolo qui il segreto della primavera medese, una staff giovane, affiatato e con tanta voglia di fare. Il tutto sotto la supervisione del dt Massimo Nava, che a Meda invece c'è da sempre. Con queste premesse è stato quasi naturale il maggior coinvolgimento degli atleti nel gareggiare. «Prima c'era sì un buon gruppo di allenamento ma in pochi partecipavano alle gare» spiega Matteo. Ma l'atletica non è il fitness, non si esaurisce ammirandosi nello specchio: senza gare, non ha ragion d'essere. «La nostra filosofia è stata molto semplice: andare alle gare per fare gruppo e divertirsi prima ancora che per cercare il risultato. Le prestazioni sono la conseguenza e non l'obiettivo del partecipare alle gare». Cresciuta la voglia di misurarsi in pista sono arrivati anche i numeri necessari per poter piazzare, quest'anno, ben tre squadre su quattro nelle classifiche di categoria Ragazzi/e e Cadetti/e del Gran Premio Fidal Milano.

meda atleti CopiaE per la legge dei grandi numeri, se cresce il gruppo aumentano anche i singoli. Così nell'anno del trentesimo l'Atletica Meda ha scritto nel suo personale albo d'oro il titolo nazionale e regionale Cadetti di Leonardo Cuzzolin (1000 mt), affiancati dalle vittorie provinciali di Laura Busnelli (corsa campestre junior), Francesco Arreghini (alto Ragazzi), Giulio Panara (alto Allievi) e staffetta 4x400 Assoluta (Pierpaolo Bianchi, Jack Celpica, Emanuele Miotti, Riccardo Schiatti, tutti junior). Sempre nel salto in alto, miniera d'oro medese dell'anno, importante anche la partecipazione di Sara Passador ai Campionati Italiani Cadetti di Jesolo, salita fino a 1.60 nella prima stagione di lavoro sulla specialità, plasmata dalle mani esperte di Massimo Nava. Finita la festa, riposti i calici, non resta che ributtarsi in pista per una nuova stagione di grandi risultati. Buon compleanno Atletica Meda.

meda tecnici Copia

RUBRICA TELEVISIVA

FOTOGALLERY