corsaIn tempi di crisi, un buon modo per far soldi è orgnizzare una maratona. Dopo tutto, ci sarà un buon motivo se, solo nel nostro paese, in questa stagione a fine anno ce ne saranno state ben 54. A certificare l'ottima redditività della corsa dei 42 km è uno studio promosso dalla Camera di Commercio e realizzato dalla Fondazione Fitzcarraldo per quanto riguarda l'edizione 2013 della Maratona di Torino.
Le cifre emerse parlano di un "rendimento" di 57 euro per ogni euro pubblico "investito". Lo studio ha preso in esame i 60mila euro di contributi che la Regione ha messo a disposizione della Turin Marathon. Questa cifra ha provocato una ricaduta complessiva di 3,5 milioni, che diventano 4,5 se si tiene conto della spesa generata dal pubblico torinese. Ciò significa che un evento sportivo di questo tipo fa bene anche (e forse soprattutto) alle tasche di albergatori, ristoratori e negozianti.
I numeri. Turin Marathon, Stratorino e Junior Marathon, corse contemporaneamente il 17 novembre 2013, hanno coinvolto 18mila corridori, con 90mila persone che hanno assistito all' evento lungo le strade cittadine. Per il 93% degli intervistati, partecipare al Turin Marathon Day è stata la principale motivazione per recarsi a Torino e molti di loro lo hanno fatto con amici, colleghi, ma soprattutto portandosi dietro la propria famiglia (il 64,1%).
Tra il pubblico, uno su cinque veniva da fuori e tra questi il tempo medio di permanenza è stato di 2,4 giorni, durante i quali hanno usufruito di alberghi, bed and breakfast, hanno mangiato e fatto shopping. Un dato risulta tra i più significativi: complessivamente sono state 42mila le persone venute da fuori e che si sono fermate almeno un giorno in città. Ben 16 le regioni di provenienza per un pubblico giovane (il 46% è tra i 30 e i 50 anni), quello più propenso a spendere quando si trova fuori casa. Solo per il pernottamento atleti e accompagnatori hanno lasciato a Torino oltre 2 milioni di euro.
Secondo l'organizzatore della Turin Marathon Luigi Chiabrera le ricadute sarebbero addirittura il doppio, considerando anche i valori messi in moto da fornitori e collaboratori della manifestazione o dagli investimenti pubblicitari.
Conclusione. Sindaci, se dovete ripianare i vostri conti, non aumentate le multe agli automobilisti, fate aumentare invece il numero di corridori e di eventi sportivi.
 
fonte: La Stampa Torino 11/7/2014, p.52

 

RUBRICA TELEVISIVA

3Atletika

FOTOGALLERY

FOTOGALLERY

Orari di Apertura Comitato

Dal MARTEDI' al GIOVEDI' dalle 15.00 alle 17.00

VENERDI' dalle 12.00 alle 16.00

 

Fidal Comitato Provinciale Milano

Viale Repubblica Cisalpina, 1
Arena Civica “G. Brera
20154 MILANO
Tel. 02.33605803, Fax.02.34535111
Mail cp.milano@fidal.it

P.IVA 01384571004
C.F. 05289680588

Usiamo i cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.